CRISTINA BALMA-TIVOLA

KRI "muovere [k] liberamente [ri]" | STI "stare [s] in moto [ti]" | NA "effetto [ā] del soffio vitale delle acque [n]"

CRISTINA BALMA-TIVOLA

Parkour Flip Book, e la filosofia del parkour

Arrivano tutti da Singapore? Ho casualmente incontrato un’altra artista, una designer il cui nickname è Saggyarmpit, disegnatrice e animatrice del video Parkour Flip Book – in cui il protagonista corre, si arrampica, salta, attraversa ostacoli nell’ambiente urbano, ovvero pratica il parkour.

 

Nello spiegare in cosa consista questa disciplina, su wikipedia ho trovato un passaggio che mi piace molto. “L’allenamento si divide in due fasi: il potenziamento fisico e la pratica sui percorsi (o tracciati). La prima non è strettamente connessa al parkour, e può far uso di qualsiasi movimento che aiuti a migliorare il controllo del corpo e aumentare i propri parametri di forza, velocità, equilibrio ecc. La seconda invece prevede la scelta di un punto di partenza e uno di arrivo, e l’analisi critica di tutti gli ostacoli tra i due. Il traceur esperto è in grado di trovare le combinazioni giuste di tecniche e movimenti per percorrere il tracciato nel modo più fluido possibile. Molti traceur hanno dei tracciati prediletti che continuano a perfezionare negli anni.

 

Il parkour oltre ad una ‘disciplina’ è uno stile di vita, come un modo di pensare; infatti dopo l’inizio della pratica di questo sport, si inizia a analizzare tutto in un altro modo. Qualsiasi appiglio o ostacolo viene osservato come un punto di appoggio da superare in maniera fluida ed efficiente. Questo insegna nella vita di tutti i giorni a non arrendersi mai davanti ad un problema ma al contrario sfruttarlo per proseguire in modo ancora migliore la marcia verso il proprio obiettivo finale.”