CRISTINA BALMA-TIVOLA

KRI "muovere [k] liberamente [ri]" | STI "stare [s] in moto [ti]" | NA "effetto [ā] del soffio vitale delle acque [n]"

CRISTINA BALMA-TIVOLA

“Vincere”: una parola e un concetto da riprenderci

Ma come sarebbe che sembra che ci vergognamo quasi a dire – e prima ancora a pensare – che certe battaglie non vadano solo combattute, ma addirittura vinte?

Cosa ci è entrato nelle vene – una pacata rassegnazione ispirata a De Coubertin (“L’importante non è vincere ma partecipare. La cosa essenziale non è la vittoria ma la certezza di essersi battuti bene”) o forse il disagio per un termine che è stato colonizzato nel nostro immaginario da canzoni e proclami di uno specifico schieramento politico col quale non condividiamo né ideali né prassi?

“Vincere” [vìn-ce-re], verbo transitivo, ha i significati di

  • 1 Superare, battere qualcuno in uno scontro armato, in un incontro sportivo o altro
  • 2 Portare a termine con successo uno scontro, una competizione, una prova
  • 3 Aggiudicarsi, conseguire qualcosa
  • 4 fig. Indurre qualcuno a cedere, convincerlo
  • 5 fig. Superare qualcosa di avverso o negativo
  • 6 fig. Controllare, dominare qualcosa

e fino a prova contraria è una voce della lingua italiana
che non mi risulta essere di proprietà esclusiva di qualcuno, e il
copyright dell’arroganza e del “Dio è dalla nostra parte” non sono
marchi che io sia disponibile a riconoscere. Quindi, da anarchica, non
dò un bel niente a nessuno, anzi: se voglio una cosa e ritengo che sia
mia comincio col riprendermela.

Quindi basta col “partecipare”, “combattere”, “convivere con ciò che non ci sta bene”: cominciamo a pensare che vogliamo vincere, e magari con quest’attitudine ce la faremo un po’ di più, eh? 😉